Ad una sola settimana dal Gran Premio di Las Vegas, la Formula 1 si sposta ad Abu Dhabi per l’ultima tappa di questa stagione. Quest’anno non ci si giocheranno titoli iridati su questo circuito, dal momento che Max Verstappen e Red Bull sono riusciti a consacrarsi Campioni con netto anticipo, ma restano aperte diverse altre lotte, soprattutto per il secondo posto Costruttori. In questa Hammer Time Preview approfondiremo, come sempre, strategie, record, storia del tracciato, curiosità, programmazione televisiva e previsioni meteo, per questo ultimo appuntamento di una stagione dal sapore dolceamaro.

Lo Yas Mari­na Cir­cuit è un cir­cuito auto­mo­bilis­ti­co degli Emi­rati Ara­bi Uni­ti, sit­u­a­to cir­ca 30 km ad est di Abu Dhabi, real­iz­za­to sec­on­do un prog­et­to nato a nel 2006 e cura­to dal­l’ar­chitet­to tedesco Her­mann Tilke. La pista fu costru­i­ta tra il 2007 e il 2009, anno di debut­to all’in­ter­no del cal­en­dario del Cam­pi­ona­to del Mon­do di For­mu­la 1, e si sno­da tra campi da golf, parchi a tema e hotel extralus­so. Si trat­ta del sec­on­do cir­cuito del Medio Ori­ente ad ospitare la mas­si­ma serie, solo dopo quel­lo del Bahrain.

Il cir­cuito di Yas Mari­na, dal nome del­l’iso­la su cui sorge, ha ospi­ta­to con­tin­u­a­ti­va­mente dal 2009 il Gran Pre­mio di Abu Dhabi, giun­to quest’an­no alla sua quat­tordices­i­ma edi­zione. Qui si è tenu­ta l’ul­ti­ma gara del­l’an­no per 10 edi­zioni su 13, le uniche eccezioni sono gli anni 2011–2013 in cui il finale di sta­gione si è svolto in Brasile.

Nel 2021 il lay­out è sta­to pesan­te­mente mod­i­fi­ca­to per ren­dere le gare più avvin­cen­ti, dal momen­to che piloti e spet­ta­tori lo ritenevano uno dei peg­giori cir­cuiti del­la sta­gione. Le mod­i­fiche appor­tate nel­l’es­tate 2021 ne han­no ridot­to la lunghez­za, han­no elim­i­na­to la chi­cane, allarga­to il tor­nante in Cur­va 7, rimosso le vec­chie Curve 11–12-13–14, sos­ti­tu­ite da una cur­va uni­ca, ed infine han­no cam­bi­a­to l’aspet­to delle ex Curve 17–18-19–20. Lo scopo di questo pen­sante adat­ta­men­to era quel­lo di ren­dere la pista più veloce e facil­itare i sor­pas­si, al fine di ren­dere le gare più divertenti.

Ph. For­mu­la 1 ©

La Fed­er­azione Inter­nazionale ha approva­to due zone DRS per ques­ta edi­zione: la pri­ma tra Cur­va 5 e Cur­va 6, con pun­to di atti­vazione tra Cur­va 4 e Cur­va 5, la sec­on­da tra Cur­va 8 e Cur­va 9, con detec­tion point poco dopo Cur­va 7.

Lo Yas Mari­na Cir­cuit in numeri:

  • Lunghez­za del­la pista: 5.281 metri 
  • Numero di giri in gara: 58
  • Dis­tan­za di gara: 306.183 metri
  • Curve: 16, di cui 7 a destra e 9 a sin­is­tra (sen­so di per­cor­ren­za antiorario)
  • Record sul giro in gara: 1:26.103 di Max Ver­stap­pen (2021, Red Bull RB16B)

L’albo d’oro del Gran Pre­mio di Abu Dhabi vede il dominio di Lewis Hamil­ton con cinque suc­ces­si, segui­to da Sebas­t­ian Vet­tel e Max Ver­stap­pen con tre, Kimi Raikko­nen, Nico Ros­berg e Valt­teri Bot­tas con uno.

Dal pun­to di vista dei costrut­tori, il mag­gior numero di vit­to­rie è detenu­to da Mer­cedes e Red Bull con sei, McLaren e Lotus con una.

Per il Gran Pre­mio di San Pao­lo, Pirelli ha scel­to di portare le tre mescole più mor­bide: C3 per P Zero White hard, C4 per P Zero Yel­low medi­um e C5 per P Zero Red soft.

Ph. Pirelli Motorsport ©

Il cir­cuito di Yas Mari­na non è par­ti­co­lar­mente stres­sante per gli pneu­mati­ci (3/5 nel­la scala Pirelli), ma le sedi­ci curve alter­nate a trat­ti veloci deter­mi­nano la neces­sità di porre una cer­ta atten­zione a trazione e fre­na­ta (4/5), anche se infe­ri­ore al lay­out nel­la con­fig­u­razione prece­dente alle mod­i­fiche del 2021. L’as­fal­to di Abu Dhabi è poco abra­si­vo (3/5), moti­vo per cui Pirelli ha scel­to il set di mescole più mor­bide. Alcune sor­p­rese, però, potreb­bero essere deter­mi­nate dal­la vari­azione del­la tem­per­atu­ra durante la gara, dal momen­to che gli ulti­mi giri saran­no ormai dopo il calare del sole.

Nel 2022 qua­si tut­ti i team han­no deciso di par­tire con le Medi­um nel Gran Pre­mio di Abu Dhabi. Ver­stap­pen, Leclerc e Perez, pri­mi tre clas­si­fi­cati all’even­to, han­no tut­ti effet­tua­to una sola sos­ta fer­man­dosi tra il sedices­i­mo e ven­tunes­i­mo giro per pas­sare alla Hard.

Nel­la gior­na­ta di mart­edì, come avvenu­to soli­ta­mente negli ulti­mi anni, ci sarà una gior­na­ta di test che vedrà in pista tutte le squadre con due vet­ture, una ded­i­ca­ta ai gio­vani piloti e una a prove di pneu­mati­ci. Non ci saran­no nuove mescole da provare, poiché nel 2024 le mescole saran­no le stesse disponi­bili quest’anno: l’unica novità sarà la riduzione del loro numero da sei a cinque, con l’eliminazione del­la C0, per­al­tro mai usa­ta in un week­end di gara. La vet­tura des­ti­na­ta al lavoro sulle gomme potrà montare dieci set: uno di C1, uno di C2, due di C5, tre di C4 e altret­tan­ti di C3. La mono­pos­to ris­er­va­ta ai gio­vani potrà essere equipag­gia­ta con due set di C3 e altret­tan­ti di C5, oltre a quat­tro treni di C4.

Ph. Red Bull Con­tent Pool ©

Infine la pro­gram­mazione TV e meteo, che prevede tem­per­a­ture ele­vate nel week-end, con pos­si­bil­ità di sbalzi ter­mi­ci impor­tan­ti nel cor­so del­la giornata.

Di segui­to i det­tagli da weather.com:

  • Ven­erdì 24 Novem­bre: tem­per­a­ture max 28°, min 25° — soleg­gia­to — pre­cip­i­tazioni 3% — umid­ità 66% — ven­to 10 km/h
  • Saba­to 25 Novem­bre: tem­per­a­ture max 28°, min 23° — soleg­gia­to — pre­cip­i­tazioni 19% — umid­ità 65% — ven­to 22 km/h
  • Domeni­ca 26 Novem­bre: tem­per­a­ture max 28° min 23° —  soleg­gia­to — pre­cip­i­tazioni 2% — umid­ità 62% — ven­to 14 km/h

Ven­erdì 24 Novem­bre 2023:

  • 10:30 — 11:30 Prove Libere 1 — SKY Sport F1 HD (dif­feri­ta TV8 non prevista)
  • 14:00 — 15:00 Prove Libere 2 — SKY Sport F1 HD (dif­feri­ta TV8 non prevista)

Saba­to 25 Novem­bre 2023:

  • 11:30 — 12:30 Prove Libere 3 — SKY Sport F1 HD (pre­vista diret­ta TV8)
  • 15:00 — 16:00 Qual­i­fiche — SKY Sport F1 HD (pre­vista dif­feri­ta TV8 alle 18:00)

Domeni­ca 26 Otto­bre 2023:

  • 14:00 — 16:00 Gara — SKY Sport F1 HD (pre­vista dif­feri­ta TV8 alle 18:00)
Ph. Red Bull Con­tent Pool ©

Abu Dhabi seg­na, come ormai da alcu­ni anni a ques­ta parte, l’at­to finale di ques­ta sta­gione 2023. In palio non ci sono più i titoli iri­dati, andati a Red Bull e Max Ver­stap­pen, e, dopo l’ap­pun­ta­men­to di Las Vegas, anche Ser­gio Perez si è ormai assi­cu­ra­to matem­ati­ca­mente il sec­on­do pos­to in clas­si­fi­ca Piloti.

Res­ta aper­tis­si­ma la lot­ta per il sec­on­do pos­to Costrut­tori, gra­zie al sec­on­do pos­to di Leclerc e la rimon­ta fino al ses­to pos­to di Sainz nel­la cap­i­tale del Neva­da, che han­no por­ta­to il dis­tac­co di Fer­rari da Mer­cedes a soli quat­tro pun­ti. Il cir­cuito di Yas Mari­na è meno favorev­ole alla mono­pos­to di Maranel­lo sul­la carte rispet­to a quel­lo amer­i­cano, ma i due alfieri del Cav­alli­no Ram­pante ce la met­ter­an­no tut­ta fino all’ul­ti­mo per agguantare questo impor­tante traguardo.

Dal pun­to di vista dei piloti, è aper­tis­si­ma la sfi­da per il quar­to pos­to, con Alon­so, Sainz, Nor­ris e Leclerc tut­ti papa­bili aggiudicatari.

Guardan­do più indi­etro nel­la clas­si­fi­ca, restano da definire il quar­to pos­to tra Aston Mar­tin e McLaren e il set­ti­mo pos­to, che però sem­bra des­ti­na­to ad una bril­lante Williams, capace di un sig­ni­fica­ti­vo recu­pero nel­la sec­on­da parte del­la stagione.

Al ter­mine del­la gara, si speg­n­er­an­no i riflet­tori sulle mono­pos­to più veloci del piane­ta. Nonos­tante la sta­gione in cor­so non sia sta­ta una delle più indi­men­ti­ca­bili nel­la sto­ria del­la For­mu­la 1, con la supre­mazia di Red Bull che cer­ta­mente ha stron­ca­to gli entu­si­as­mi di una parte sig­ni­fica­ti­va del pub­bli­co, questo sport ci mancherà, come in ogni pausa inver­nale. La sper­an­za è che i prossi­mi mesi ser­vano ai team per impara­re da quan­to vis­to in questo 2023 e per arrivare a regalar­ci un Cam­pi­ona­to com­bat­tuto, che fac­cia uscire il vero tal­en­to e l’essen­za di questi stra­or­di­nari piloti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *