Per i clienti a cui una normale M5 non basta, BMW ha messo a listino la versione CS, il cui V8 da 4.4 litri eroga 635 CV e 750 Nm di coppia. Ma se non bastasse neanche lei? Ci pensa G‑Power.

G‑Power, tuner spe­cial­iz­za­to nel­l’e­lab­o­razione dei mod­el­li del colos­so bavarese BMW, ha cre­ato un vero e pro­prio mostro, chiam­a­to GP-900. Esat­ta­mente, sig­nori, avete immag­i­na­to bene. 900, come i cav­al­li spri­gionati da ques­ta M5 ormai capace di spaventare super­car ben più bla­sonate, anche gra­zie alla cop­pia mon­stre di 1050 Nm.

Per rius­cire nel­l’im­pre­sa, il noto elab­o­ra­tore tedesco ha uti­liz­za­to tur­bine mag­gio­rate, col­let­tori sportivi e un nuo­vo impianto di scari­co fir­ma­to Deep­tone.

Poco cam­bia a liv­el­lo esteti­co, se non i già citati scarichi in fibra di car­bo­nio, lo split­ter ante­ri­ore e lo spoil­er pos­te­ri­ore. Diver­si sono anche i cer­chi, da ven­tuno o da ven­tidue pol­li­ci, disponi­bili in car­bo­nio e in car­bo­nio for­gia­to. Tut­tavia per chi volesse apparire un po’ di più, G‑Power mette a dis­po­sizione altri body-kit per ren­dere la M5 ancor più aggressiva.

Una super­car nascos­ta sot­to le vesti di una berlina.

Ph. G‑Power ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.