Il team principal della Scuderia Ferrari è tornato a parlare della Power Unit che verrà montata sulla monoposto della prossima stagione. La SF21 saprà riscattare i fallimenti della SF21?

La nos­tra nuo­va Pow­er Unit? Pen­so che gra­zie ad essa potrem­mo tornare ad essere com­pet­i­tivi. L’unità motrice del­lo scor­so anno, purtrop­po, ha offer­to prestazioni asso­lu­ta­mente inadeguate rispet­to a quel­lo che deve essere lo stan­dard del­la Fer­rari. Siamo rimasti molto delusi per questo, sen­ti­amo di avere la piena respon­s­abil­ità di quan­to accadu­to e ci dispi­ace enorme­mente per l’azienda, e ovvi­a­mente anche per i tifosi, che han­no dovu­to sof­frire insieme a noi per tut­ta la dura­ta del­la sta­gione. For­tu­nata­mente, ques­ta situ­azione non si ripeterà una sec­on­da vol­ta, infat­ti, sono piut­tosto sicuro che nel 2021 ritro­ver­e­mo veloc­ità, andan­do a vivere un’annata che servirà a ren­der­ci anco­ra più for­ti in otti­ca futu­ra…”

Con queste parole, Mat­tia Binot­to, team prin­ci­pal del­la Scud­e­ria Fer­rari, ha volu­to pro­nun­cia­r­si anco­ra una vol­ta (pos­i­ti­va­mente) sul nuo­vis­si­mo Super­fast, propul­sore che andrà ad equipag­gia­re la SF21. Stan­do alle parole del­lo stes­so Binot­to, appare evi­dente quan­to a Maranel­lo credano in un prog­et­to che mira, in pri­mo luo­go, a can­cel­lare la pesan­tis­si­ma onta subi­ta per tut­ta la dura­ta del­la scor­sa sta­gione: un incubo marchi­a­to a fuo­co, che il Cav­alli­no Ram­pante non può per­me­t­ter­si di riv­i­vere per nes­sun motivo.

Ph. Fer­rari ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.