Gran Premio del Portogallo: le pagelle

Gran Premio del Portogallo: le pagelle

Una gara spettacolare per un circuito spettacolare. Sul bellissimo tracciato di Portimao va in scena uno spettacolo degno di questo nome, ricco di sorpassi, emozioni e interpreti inattesi. Restate con noi per scoprire i voti di tutti i protagonisti di giornata.


Lewis Hamilton, voto 10: un week-end dominato in lungo e in largo nonostante non fosse iniziato nel migliore dei modi. Dopo un avvio di gara difficoltoso, risorge e non ci pensa due volte a rimettere in riga gli avversari, nonché ad annichilire, per l’ennesima volta, il compagno di squadra. MASTER RACE. 

Valtteri Bottas, voto 5: nuovo sfondo, stesso film. In qualifica, nonostante fosse probabilmente più veloce, manca la pole position, scegliendo di andare per un unico tentativo nel finale, a differenza del vicino di box. In gara, dopo una discreta prima fase, viene superato da Hamilton. Dopo, il buio. Giro dopo giro, Woodman si sgretola a tal punto da incassare un pesantissimo distacco di circa venticinque secondi alla bandiera a scacchi. DISINTEGRATO.

 

Max Verstappen, voto 6,5: dato il vantaggio di mescola, al via ci si aspettava molto di più da lui. Fallisce nel tentativo di sopravanzare Bottas e rimane coinvolto in un incidente con Sergio Perez, da cui esce clamorosamente illeso, venendo però passato dal duo della McLaren. Successivamente fa valere la superiorità del suo mezzo e si riprende di forza la terza posizione, obbiettivo minimo di giornata. BICCHIERE MEZZO VUOTO.

Charles Leclerc, voto 9: dunque, che dire? Il monegasco è autore di un sabato da fenomeno in cui, anche grazie alle migliorie apportate dalla Ferrari, riesce a fare sua la quarta casella sulla gara. In gara si dimostra implacabile e nonostante un avvio di Gran Premio difficilissimo con pneumatici medi su un asfalto umido, riesce a riprendersi la quarta posizione effettuando una serie di sorpassi splendidi. MAGISTRALE.

 

Carlos Sainz, voto 7,5: che spettacolo. I suoi primi giri sono esaltanti e ci illudono, per alcuni istanti, di poter assistere ad una gara pazza: impossibile, infatti, non esaltarsi al momento del suo sorpasso ai danni di Valtteri Bottas, scalzato dalla prima posizione. A Woking siamo certi che si saranno sicuramente esaltati e nel frattempo la Ferrari lo attende. OUTSIDER.

Sergio Perez, voto 7: sprofondato in ultima posizione dopo essere entrato in collisione con Max Verstappen pochi metri dopo lo spegnimento dei semafori, si rende protagonista di un’ottima rimonta condita da sorpassi esaltanti. Peccato per il calo di prestazione subito nel corso degli ultimi passaggi, costatogli il quinto posto. NEVER GIVE UP.

 

Esteban Ocon, voto 6,5: una corsa solida,  caratterizzata da una gestione gomme eccezionale. Il francese di casa Renault, infatti, è rimasto in pista fino all’ultimo con pneumatici medici nella speranza di un eventuale scroscio di pioggia che avrebbe sicuramente rimescolato tutte le carte in tavola. Sfortunatamente per lui l’acqua non fa la sua comparsa a Portimao, vanificando la sua strategia. NASO ALL’INSÚ.

Daniel Ricciardo, voto 6: una prestazione stranamente opaca la sua. Stranamente non riesce ad incidere mai veramente, anche in una situazione caotica come quella dei primi giri, in cui è solito esaltarsi e mettere in mostra tutta la sua abilità nei sorpassi. SPENTO.

 

Sebastian Vettel, voto 6: spiace dirlo ma persino la conquista di un singolo punto pare un successo per lui in questa stagione. Peccato per un lieve errore nel finale che gli fa perdere alcuni decimi, relegandolo fuori dalla zona DRS mentre inseguiva un Daniel Ricciardo in difficoltà. CHI NON MUORE SI RIVEDE. 

Kimi Raikkonen, voto 10: sebbene il suo nome non compaia nella lista dei primi dieci classificati, Iceman merita sicuramente una menzione d’onore. Come non emozionarsi vedendo quanto fatto da Kimi nel corso del primo giro? Una partenza spettacolare, che toglie il fiato. Quando le condizioni si fanno particolarmente difficili l’estro, il talento e l’esperienza di Kimi emergono. Sempre. Un pilota d’altri tempi. LEONE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *