Un trionfo che sa di leggenda. Lewis Hamilton raggiunge il record di vittorie di Schumacher ed entra, assieme alla sua fedele Mercedes, nell’olimpo della Formula 1.

Un week-end che passerà alla sto­ria quel­lo appe­na trascor­so al Nür­bur­gring, dove Lewis Hamil­ton e la Mer­cedes han­no cen­tra­to il set­ti­mo suc­ces­so sta­gionale, con il pilota bri­tan­ni­co che ha eguaglia­to il record di vit­to­rie apparte­nente a Michael Schu­mach­er, rag­giun­gen­do quo­ta 91.

Un fine set­ti­mana par­ti­co­lare, quel­lo appe­na trascor­so in ter­ra tedesca, inizia­to con il piede sbaglia­to già dal ven­erdì, quan­do la piog­gia non ha per­me­s­so ai piloti di scen­dere in pista.
L’u­ni­ca ses­sione di prove libere effet­tua­ta è sta­ta la terza, dis­pu­ta­ta nel­la mat­ti­na­ta di saba­to, che ha vis­to subito le due Mer­cedes davan­ti, con Bot­tas a pre­cedere Hamil­ton di un dec­i­mo circa.

Il soli­to dominio Mer­cedes, però, sem­bra­va pot­er essere intac­ca­to da un Max Ver­stap­pen in grande spolvero e da una sor­pren­den­te­mente com­pet­i­ti­va Fer­rari, con Leclerc a ridos­so dei pri­mi. Durante le qual­i­fiche, tut­ti gli occhi degli addet­ti ai lavori sono riv­olti al duel­lo tra Valt­teri Bot­tas e Lewis Hamil­ton, con Max ver­stap­pen spet­ta­tore privilegiato.
A spun­tar­la è il fin­lan­dese, che pre­cede Hamil­ton, Ver­stap­pen e un sor­pren­dente Charles Leclerc.

Pron­ti via e il duel­lo tra le due ex frec­ce d’ar­gen­to si accende subito. Hamil­ton parte meglio di Bot­tas, che a sua vol­ta decide di rischiare il tut­to per tut­to resisten­do all’ester­no all’at­tac­co del com­pag­no e man­te­nen­do la vet­ta.
Così, dopo un iniziale ten­ta­ti­vo di fuga, Bot­tas ha inizia­to a sof­frire per il degra­do delle gomme, fino a quan­do, al tredices­i­mo giro, il fin­lan­dese arri­va lun­go alla stac­ca­ta del­la pri­ma cur­va, per­me­t­ten­do ad Hamil­ton di pas­sare in vetta.

Dopo aver dan­neg­gia­to l’an­te­ri­ore destra, Bot­tas si fer­ma ai box, ma al diciottes­i­mo giro arri­va il colpo di scena.
“No pow­er, no pow­er!” urla dis­per­ata­mente alla radio, pri­ma di arrestare la sua W11 ormai ammutolita.
Con Valt­teri fuori gio­co, Lewis ha vita facile nel con­tenere Max Ver­stap­pen e involar­si ver­so un suc­ces­so che passerà alla storia.

Sono 91 per il Re Nero, che dopo aver rag­giun­to il Kaiser si prepara a pren­der­si il record di vit­to­rie in soli­taria, entran­do di dirit­to nel­l’olimpo del­la For­mu­la 1.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.