Lotus Elise Heritage Edition: la Casa di Hethel stupisce ancora

Lotus Elise Heritage Edition: la Casa di Hethel stupisce ancora

La Lotus, nota Casa automobilistica fondata da Colin Chapman nel lontano 1952, ha voluto celebrare il proprio modello di punta, la Lotus Elise, con una edizione speciale caratterizzata da ben quattro versioni diverse della piccola supercar.


Lotus ha dato vita a quattro diverse versioni di Elise, con l'obiettivo di rendere onore e di celebrare quello che negli ultimi anni ha, senza dubbio, rappresentato il modello di punta della Casa di Hethel.  I modelli appartenenti a tale serie, prendono il nome di Lotus Elise Classical Heritage: il Centro Stile Lotus ha studiato nei minimi dettagli le caratteristiche di tutte e quattro le varianti disponibili, ognuna delle quali è dedicata ad un particolare momento storico che ha reso celebre il marchio di Colin Chapman. La prima versione è caratterizzata da una colorazione nero e oro, che riprende chiaramente riprende la livrea della mitica Lotus Type 72D con cui Emerson Fittipaldi ottenne cinque vittorie nel Campionato Mondiale di Formula Uno nella stagione 1972. La seconda versione, in colorazione rosso, bianco e oro, rappresenta la livrea della Lotus Type 49B con cui Graham Hill correva nel 1968. La terza versione invece, in una livrea blu e bianca, è dedicata alla Lotus Type 18 del 1960 che, sessant'anni fa, ha conquistato la prima pole position e la prima vittoria nella storia della Casa in Formula Uno, avvenuta sul tortuoso cittadino del Principato di Monaco e condotta da Sir Stirling Moss. Dulcis in fundo, l’ultima delle quattro varianti si presenta con tre colori: argento, bianco e rosso, che riprendono la livrea della Lotus Type 81 del 1980 guidata da Nigel Mansell, Elio de Angelis e Mario Andretti.

La Lotus Elise non è solo il simbolo di successo del marchio di Hethel, ma sinonimo di velocità, leggerezza, maneggevolezza, che rendono guidare questa piccola supercar un’esperienza unica nel suo genere, ma sopratutto molto divertente anche per chi non ha molta esperienza al volante. Infatti, nonostante la dotazione sia ridotta allo stretto indispensabile, la vettura è dotata di serie di: radio digitale DAB con quattro altoparlanti, aria condizionata, il cruise control, i cerchi in lega ultraleggeri, e i tappetini neri, con l'edizione limitata che in aggiunta prevede gli interni bicolore, a seconda della tonalità esterna scelta. Inoltre, per non farsi mancare nulla, tra gli optional per personalizzare il proprio modello sono presenti: tetto in fibra di vetro, una batteria agli ioni di litio più leggera, e uno scarico sportivo in titanio. Inoltre, tutta la gamma Heritage poggia sulla base del Modello Elise Sport 220, dotate di un propulsore a quattro cilindri da 1,8 Litri, sovralimentato da un compressore. La potenza è quindi pari a 222 CV, con una coppia massima che tocca i 250 Nm, che non è affatto male per una vettura che pesa solamente 914 Kg, permettendo un’accelerazione da 0 a 100 Km/h in soli 4,6 secondi, e una velocità massima pari a 233 Km/h. Ovviamente, la trazione è posteriore e la trasmissione è caratterizzata da un cambio manuale a sei rapporti. Questa serie è limitata a solamente 100 esemplari e a 25 per ciascuna versione, con un prezzo fissato a 55.200 Euro e, per tutti i modelli Classic Heritage Edition, è presente una placchetta commemorativa numerata sul cruscotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *