Varato il New Deal della Formula 1

Varato il New Deal della Formula 1

La Federazione Internazionale ha ufficialmente diramato il nuovo regolamento tecnico-finanziario, volto a contrastare la crisi economica causata dalla pandemia. Tante le modifiche e molteplici i tagli, sotto diversi e numerosi punti di vista.


Il Consiglio Mondiale della FIA ha approvato una serie di novità tecniche che entreranno ufficialmente in vigore il 5 Luglio, in occasione del primo appuntamento stagionale: al Red Bull Ring, per il Gran Premio di Spielberg, saranno omologati telaio, sospensioni, trasmissione e, stando a quanto riportano Motorsport.com e FormulaPassion, altre parti che saranno specificate in futuro. Nel biennio successivo potranno essere spesi due gettoni di sviluppo sull’hardware della vettura per correggere eventuali errori.

Questo per salvaguardare i team che al momento, a causa della pandemia, vivono un momento difficile dal punto di vista finanziario: scattano da subito anche delle limitazioni nello sviluppo aerodinamico: a rimetterci, purtroppo, sono numerosi componenti delle squadre. Il New Deal voluto da Jean Todt stronca infatti molte attività di ricerca, portando inevitabilmente i team a dover smagrire gli organici.

Di seguito un breve riepilogo relativo a quanto approvato:

Congelamento di un ampio elenco di componenti tra il 2020 e il 2021. L’elenco comprende il telaio, il cambio, una serie di componenti meccanici e strutture di impatto. È stato ideato un sistema di token per consentire un numero molto limitato di modifiche in base alle esigenze specifiche dei concorrenti.

• Per il 2020, limitazioni agli aggiornamenti della PU.

• Per il 2021, modifiche al rivestimento in pianta e semplificazione della zona del fondo davanti alle ruote posteriori al fine di moderare l’aumento della deportanza tra il 2020 e il 2021.

• Per il 2021, aumento di massa minimo a 749 chilogrammi.

• Per il 2020, disposizioni per gli eventi chiusi e aperti e la relativa struttura normativa per ciascuno (ad esempio il personale del paddock), a seconda che tali eventi consentano agli spettatori.

• Per il 2020, vari aggiornamenti relativi alle normative sugli pneumatici, con disposizioni che consentono di testare gli pneumatici durante le PL2 qualora fosse necessario approvare una nuova specifica di pneumatici da parte di Pirelli e l’uso esteso di pneumatici P140 nel caso di una sessione di PL1 bagnata.

• Per il 2020, una riduzione dei test aerodinamici (ATR) e l’introduzione delle restrizioni del banco di prova delle PU per motivi di costo.

• Per il 2021, ulteriore riduzione dei test aerodinamici e l’introduzione di una distorsione tra posizione del campionato e limitazioni ATR. La distorsione ATR sarà lineare tra P1 e P10.

• Per il 2022, sono stati definiti una serie di aspetti specifici chiave delle normative, tra cui coprifuoco, componenti a numero limitato (RNC), controlli periodici e prescrizioni di parco chiuso. Questi regolamenti funzionano come un pacchetto insieme ai regolamenti tecnici del 2022 che sono stati approvati dal Consiglio mondiale il 30 Marzo 2020 e faranno parte di un processo di revisione e perfezionamento in corso per tutto il 2020 e il 2021.

Riduzione del livello di capitalizzazione a 145 milioni di dollari per il 2021, 140 milioni di dollari per il 2022 e 135 milioni di dollari per il 2023-2025, sulla base di una stagione di 21 Gran Premi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *