Binotto: “Dopo il Gran Premio di Monza parlai prima con Sebastian”

Binotto: “Dopo il Gran Premio di Monza parlai prima con Sebastian”

[pl_row pagelayer-id=“6cker04ifipkl2co” ]
[pl_col pagelayer-id=“vu2r2oqhp7mq4xai” col=“12”]
[pl_text pagelayer-id=“mn02j8hlv1v4ofyr” ]

Mattia Binotto, team principal della Scuderia Ferrari, ha voluto ricordare nell’ultima intervista quanto accaduto nel dopo gara dell’ultimo Gran Premio di Monza. Svelando un aneddoto particolare…

Mon­za 2019: gara a doppia fac­cia per la Fer­rari. Tut­ti si ricor­dano la vit­to­ria di Charles Leclerc, la sec­on­da in car­ri­era per il gio­vane mon­e­gas­co, magis­trale nel reg­gere la pres­sione e l’assalto del­la cop­pia Mer­cedes. In par­ti­co­lare l’azione di Lewis Hamil­ton fu osti­na­ta, ma non effi­cace, e il Cav­alli­no Ram­pante tornò a fes­teggia­re il Gran Pre­mio di casa, cosa che non accade­va dal 2010. Sen­sazioni opposte per Sebas­t­ian Vet­tel, autore di una gara travagli­a­ta, con­di­ta da errori e penal­ità, con­clusa solo al tredices­i­mo posto.

Mat­tia Binot­to, inter­vis­ta­to da Will Bux­ton su YouTube per il canale uffi­ciale del­la F1, ha rimar­ca­to questo doppio aspet­to emo­ti­vo del post gara monzese, descriven­do come il numero uno del box del­la Rossa abbia affronta­to e gesti­to la situ­azione andan­do pri­ma a par­lare con il tedesco: “Per pri­ma cosa sono anda­to da Seb, mi è sem­bra­to impor­tante far­lo per­ché era sta­to anche sfor­tu­na­to. Ave­va commes­so un errore, cer­to, ma ave­va anche guida­to velo­ce­mente, ave­va recu­per­a­to posizioni…avrebbe potu­to essere una bel­la gara anche per lui. Il podio sarebbe sta­to pos­si­bile. Era impor­tante star­gli vicino”.

Molto più sem­plice è sta­to par­lare con un rag­giante Charles Leclerc, alla sec­on­da vit­to­ria con­sec­u­ti­va in rosso: “Dopo sono anda­to da Charles. A Spa era diven­ta­to il pilota Fer­rari più gio­vane ad aver mai vin­to una gara con la Fer­rari. Poi una vit­to­ria a Mon­za, otto giorni dopo, con quel podio e davan­ti a tut­ta quel­la gente… è sta­to fan­tas­ti­co, era molto felice. Quel­lo è un momen­to che si ricor­da per sempre”.

[/pl_text]
[/pl_col]
[/pl_row]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *