Analisi GP di Russia: Red Bull Racing

Analisi GP di Russia: Red Bull Racing

Red Bull Racing, poteva andare peggio. Anche se, a dirla tutta, poteva andare anche meglio: ci si aspettava infatti qualcosa in più vista la competitività mostrata nelle libere di venerdì scorso.


In un week-end iniziato piuttosto male (tra incidenti e penalità dovute alla sostituzione di diversi componenti) i due alfieri della Red Bull riescono a limitare i danni in gara sfruttando anche il ritiro del povero Sebastian Vettel. Max Verstappen scattava infatti dalla nona piazza (pur essendosi qualificato quarto), mentre Alexander Albon partiva addirittura dalla pit-lane (dopo essere andato pesantemente a muro in Q1).

© XPB Images https://xpbimages.com/index.asp

Dopo un primo giro pulito e senza sbavature i due torelli, rispettivamente dall'ottava e dalla diciottesima posizione, iniziano la loro rimonta. Verstappen lo fa con una strategia di gara aggressiva (primi due stint con la soft e terzo con la media), Albon invece costruisce la prima parte di gara con la media e chiude all'attacco con la rossa. Attorno alla ventesima tornata qualche attimo di apprensione per Alexander, che lamenta per radio una mancanza di performance dei freni, poi fortunatamente smentita.

© XPB Images https://xpbimages.com/index.asp

I due giovani talenti di Mylton Keynes chiudono dunque in quarta e quinta posizione, dopo un'ultima parte di gara che ha visto la Safety Car ricoprire un ruolo di assoluta protagonista: ciò ha sicuramente agevolato la rimonta di Albon, che è stato comunque autore di pregevoli sorpassi. Posizioni di arrivo che a nostro parere rispecchiano qualche noia da non sottovalutare per la scuderia austriaca quattro volte iridata: da un lato infatti emerge sì la superiorità del proprio pacchetto rispetto alla cosiddetta "Formula 1.5", tuttavia dall'altro va detto che, considerato il passo mostrato nella giornata di venerdì, ci si aspettava decisamente qualcosa di più. La realtà è che le RB15, da Silverstone, non riescono più a tenere il passo delle SF90 e delle W10. Urgono dunque miglioramenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *